Direzione regionale Toscana

Festival dei Bambini 2014

Festival dei Bambini chi ha paura delle tasse?
Chi ha paura del lupo cattivo?

Organizzato dal Comune di Firenze insieme a "Codice. Idee per la Cultura" di Torino, la 1ª edizione del Festival dei Bambini animerà il centro storico, con le sue piazze e i suoi palazzi, e alcuni luoghi periferici con una miriade d'iniziative dedicate a giovani e piccoli.
La Direzione regionale presenta al Festival il progetto “Chi ha paura del Lupo cattivo?” , una caccia al tesoro (degli evasori), allestita nel Chiostro della Biblioteca delle Oblate, destinata ai ragazzi dai quattro agli undici anni

Il Monastero delle Oblate
Fatto costruire nel 1285 da Folco Portinari, il babbo di quella Beatrice tanto amata da Dante, l’Antico Ospedale delle Oblate, ampliatosi prima con l'ospedale di Santa Maria Nuova e poi trasferitori a Careggi, nel convento delle Oblate Ospitaliere Francescane di Monna Tessada, è stato trasformato dal Comune in un polo culturale di ultima generazione tra i più apprezzati dai giovani, complice la meravigliosa vista sul Duomo che si gode dall’Altana, la terrazza panoramica dove le monache mettevano ad asciugare il bucato
La scenografia
La caccia al tesoro si svolge sotto il colonnato del Chiostro, dove scenografie disegnate su carta da pacchi, alberi costruiti riciclando vecchi imballaggi e pupazzi realizzati con materiali di recupero (tappi, barattoli di plastica: shampoo, detersivo, olio per friggere) trasformano lo spazio in un bosco notturno abitato da gufi, pipistrelli e da un lupo, Ciccio Mannaro, che sta dormendo dentro una capanna al centro del bosco
Il gioco
Il gioco inizia quando si decide di svegliare il lupo. Una volta sveglio, Ciccio Mannaro vuol fare colazione. Trattandosi di un lupo molto speciale, che non mangia bambini né porcellini, ma sonanti quattrini, occorre recuperare un tesoro: non per noi stessi, ma per donarlo al lupo affamato. A questo punto si tratta “solo” di recuparare una chiave dalla pancia di un gufo, aprire un libro magico chiuso da un lucchetto, recuperare quattro bauli del tesoro per scoprire che "non è tutto oro quel che luccica". Una strega ha sostituito le monete d’oro con delle lucciole, nascondendo il tesoro nel bosco. Per trovarlo bisogna rivolgersi proprio alla vecchia strega che vende mele avvelenate, ovviamente senza neppure rilasciare lo scontrino!

Album Foto 1 Album Foto 2 Diario dal chiostro